Famiglia Lavagnoli

Senza i conferenti mancherebbe l’energia che dà vita al vino. Sono coloro che curano durante l’anno con passione ed entusiasmo la vigna in modo tale che dia buoni frutti. Gli stessi frutti che Farina trasforma in vini straordinari e conosciuti nel mondo. Questi vini partono proprio da loro…

Famiglia Lavagnoli

Zona vigneto:  
Pigozzo
Superfice:  
12.5 h / 130.000 m2
Altitudine:  
150 m sul livello del mare e sono localizzati in una vallata
Sistema di allevamento:  
60% guyot semplice e 40% pergola veronese
Vitigni:  
Corvina, Corvinone, Rondinella, Molinara e una piccola percentuale di Merlot
Tipo di suolo:  
ghiaioso, non soffre la siccità

 

Scheda introduttiva


Un'azienda vinicola, una famiglia. I Lavagnoli sono una famiglia unica, composta prima di tutto da Carlo, che ha ereditato la passione di famiglia per i vigneti, la moglie Miriam e i figli Alberto e Andrea.

Intervista alla famiglia Lavagnoli

Quando è cominciata la vostra attività ?
Carlo: Dopo tanti anni di esperienza, il 1999 è stato l’anno in cui abbiamo deciso di osare. Devo essere onesto, è stata mia moglie a darmi la forza e il coraggio per osare, lei al mio fianco ha portato avanti l’azienda insieme a me e ha creduto per prima in questo progetto.
Io arrivo già dalla campagna, mentre mia moglie Miriam, che faceva un altro lavoro, ha accolto e creduto nel mio progetto con grande determinazione.

Miriam, cosa ha significato per te iniziare a lavorare in campagna?
Prima di conoscere mio marito, io lavoravo in fabbrica. Quando l’ho conosciuto le mie amiche mi prendevano in giro perché “me moroso el gavea i campi”. Era un lavoro malvisto per l’epoca, e per una donna ancora di più. Ma io ho deciso di affiancarlo in questa attività. All’inizio ho vissuto questa scelta con un po' di vergogna, ma una volta arrivata al bivio, non ho avuto dubbi… e l’istinto mi ha dato ragione.

In che modo siete arrivati al modo di produrre e raccogliere che oggi vi contraddistingue?
Siamo stati tra i primi in zona a scegliere di fare una raccolta dei grappoli di qualità, dividendo il migliore raccolto in plotò in modo ottimale. All’inizio è stata difficile perché i vicini ci guardavano con sospetto. 

Ci raccontate un aneddoto significativo della vostra storia? 
Miriam: Tempo fa, mio suocero è venuto un giorno nel vigneto. Quando ha visto come volevamo potare le piante, si è talmente arrabbiato che non si è più presentato per molti giorni. Noi non abbiamo ceduto. Abbiamo dovuto combattere per far capire i nostri metodi di lavoro, ma alla fine… una mattina, mio suocero è arrivato nel vigneto e mi ha detto: “cosa c’è da fare oggi?”. Si era rassegnato ed era pronto a lavorare secondo i nostri criteri! 

Anche i vostri figli sono attivamente coinvolti in azienda…
Andrea, il primogenito, dice che si sente un po’ il figlio della rivincita. Per lui è importante fare bene, si sente una grossa responsabilità verso di noi. Infatti continua a studiare e ad aggiornarsi per far crescere il vigneto sempre meglio. Alberto è entrato da pochissimo in azienda e sta annusando ancora l’ambiente. Pare che gli piaccia…

Una famiglia che lavora assieme, insomma. Come fate a rimanere sempre in armonia? 

Semplice, le parole d’ordine sono tre: divisione dei compiti, progettualità condivisa e l’ultima parola sempre alla mamma!
  • - Intervista alla famiglia Lavagnoli