Elio Peretti

Senza i conferenti mancherebbe l’energia che dà vita al vino. Sono coloro che curano durante l’anno con passione ed entusiasmo la vigna in modo tale che dia buoni frutti. Gli stessi frutti che Farina trasforma in vini straordinari e conosciuti nel mondo. Questi vini partono proprio da loro…

Elio Peretti

Zona vigneto:  
Negrar
Superfice:  
6-7.000 m²
Altitudine:  
500 m
Sistema di allevamento:  
pergola
Esposizione:  
nord
Vitigni:  
Corvina, Corvinone e Rondinella
Tipo di suolo:  
ghiaioso

 

Scheda introduttiva


Quella di Elio Peretti è un’intera famiglia coinvolta nella vigna, ma non solo, con Farina il legame è così consolidato che la famiglia Peretti è impegnata anche in altre attività oltre che il conferimento delle uve. Da un paio d’anni infatti Elio è autista, durante la vendemmia fa il giro dei conferenti e ritira le cassette da portare in azienda, mentre la sorella e suo marito, coinvolti anche loro nella gestione della vigna, selezionano per Farina le uve migliori da mettere in appassimento per realizzare l’Amarone. Lavoratore intraprendente, Elio, uomo dal piglio energico, è disposto a sacrificarsi per ottenere buoni risultati, per la soddisfazione che questo lavoro gli sa dare.

Intervista a Elio Peretti

Quando avete iniziato a conferire le uve a Farina?
La mia famiglia collabora da parecchi anni con Farina, conferiamo le nostre uve da circa 20 anni. Come nella maggior parte delle migliori collaborazioni, siamo giunti all'azienda tramite un nostro contatto, che ce li ha consigliati. Da quel momento si è instaurato un rapporto di fiducia e reciproca stima che nel tempo è diventata anche amicizia. La collaborazione si è spostata dal semplice conferimento delle uve ad altro.

Che tipo di collaborazione avete oltre al conferimento delle uve?
Oltre a conferire le uve delle nostre viti, abbiamo anche un ruolo più attivo. Da un paio d’anni io faccio anche l’autista per loro: nel periodo di vendemmia mi occupo di andare dai vari conferenti a ritirare l’uva e la porto in azienda. Inoltre, mia sorella e suo marito, coinvolti anche loro nella gestione della vigna, selezionano per Farina le uve migliori da mettere in appassimento per realizzare l’Amarone. Hanno un occhio nella scelta dei grappoli migliori che deriva da anni di esperienza.

Qual è il suo vino preferito della selezione di Farina?
Amarone e Ripasso. Sono indubbiamente i loro vini migliori, quelli che preferisco abbinare ai miei piatti preferiti. È sempre un piacere bere vino di qualità.

Che aggettivo darebbe a Farina come azienda?
È un'azienda che sa cosa significa il sacrificio e la costanza per il raggiungimento di un buon risultato. L’azienda ha un sistema organizzativo all'avanguardia che sa come rinnovarsi e crescere.
Nonostante il successo riscosso, non ha mai perso di vista quelle che sono le sue origini, l'importanza di avere buoni rapporti umani, il rispetto e la riconoscenza che porta verso chi l'ha aiutata e chi sta continuando a farlo, come ad esempio i suoi collaboratori, conferenti e fornitori.


Chi è coinvolto nella gestione della vigna? È solo o si fa aiutare?
Non sono da solo, ho i miei cognati che mi danno una mano. Insieme a loro rendiamo questa attività, anche se nel suo piccolo, il più possibile efficiente e produttiva.

Che aggettivo si darebbe come vignaiolo?

Sono un lavoratore intraprendente che è disposto a sacrificarsi per ottenere buoni risultati, soprattutto per beneficiare di quella soddisfazione che solo questo lavoro, dopo tanto sforzo, è in grado di darti.
  • - Intervista a Elio Peretti