Mattia Cobelli

Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo (Henry Ford).
Sono l’anima operativa dell’azienda, senza di loro Farina non sarebbe l’azienda di successo che è oggi. Una squadra di persone, con doti, vissuti e sogni diversi, che fanno ogni giorno del lavoro di gruppo e della collaborazione una realizzazione: ognuno di loro con la propria personale unicità…

Mattia Cobelli

Ruolo: Aiuto enologo
Segni distintivi: Si annoia facilmente, ama giocare a calcio e andare a pesca, oltre che stare all’aria aperta
Motto: Vivi e lascia vivere
L’uomo sempre in movimento

 

Intervista a Mattia Cobelli

Quando ha iniziato a collaborare con Farina?
Il mio approccio con Farina è stato 4 anni fa, quando sono arrivato qui per una vendemmia. Dunque una collaborazione stagionale. Poi mi sono laureato in enologia a San Michele all’Adige. E sono stato chiamato qui come aiuto enologo.

Perché ha scelto il mondo del vino?
Mio nonno produceva vino e quindi io sono cresciuto in mezzo a questo mondo. Non potevo scegliere altrimenti.

Che ruolo ha all’interno dell’azienda?

Sono l’aiuto enologo. Mi affianco ad Andrea e faccio le operazioni di cantina: travasi, preparazione dei vini per imbottigliamento…

Cosa le piace di più?
Il momento della vendemmia è il momento che amo di più. È fisicamente complicato, ma la parte più bella dell’enologia. Perché ogni annata è diversa.
Mi piace inoltre degustare i vini, scoprire come cambiano di settimana in settimana.

Il primo ricordo che ha di quando è arrivato a lavorare da Farina?

La prima persona con cui sono entrato in contatto è stato Andrea. Con lui si è instaurato da subito un rapporto semplice e sincero. È il mio maestro.




Come definirebbe l’azienda?
Farina è un’azienda che ha molti pregi. Sicuramente disponibile e accogliente.

Punto di forza?
Ha prodotti molto buoni e buoni prezzi. Un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Qual’è il Suo vino preferito?
L’Amarone Riserva: un vino fruttato, corposo, che si esprime in pieno dopo un lungo procedimento che a noi enologi da soddisfazione.

Il vino di Farina che ha più potenziale?
Il Montecorna.
  • - Intervista a Mattia Cobelli