Andrea Zerman

Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo (Henry Ford).
Sono l’anima operativa dell’azienda, senza di loro Farina non sarebbe l’azienda di successo che è oggi. Una squadra di persone, con doti, vissuti e sogni diversi, che fanno ogni giorno del lavoro di gruppo e della collaborazione una realizzazione: ognuno di loro con la propria personale unicità…

Andrea Zerman

Ruolo: Enotecnico e Winemaker
Segni distintivi: Ama andare in mountain bike e stare in mezzo alla natura
Motto: Vivere l’attimo
Mr mai contento

 

Intervista ad Andrea Zerman

Come ha iniziato a collaborare con Farina?
Ho iniziato a lavorare per Farina nel dicembre 2010. Avevo già lavorato in precedenza come enotecnico per un’azienda vincola del Lago di Garda. Ma non sono approdato subito nel mondo del vino. Io sono un tecnico di laboratorio e dopo la scuola ho lavorato alcuni anni per aziende che producevano detersivo e avevo a che fare con prodotti chimici. Poi ho scoperto la passione per il vino, il laboratorio mi andava stretto e così mi sono iscritto a Conegliano al corso per enotecnici.

Perché ha scelto questo mondo?
Mi è sempre piaciuta la chimica fin da bambino, perché sono curioso. Ho una fervida immaginazione: mi immagino tutt’oggi i processi chimici e gli spiego ai collaboratori. Mi immagino quando si uniscono le molecole, la scena dei lieviti che sono nel vino che si mangiano lo zucchero e metabolizzano l’alcohol. Mi diverto molto a fare questo lavoro.

Che ruolo ha all’interno dell’azienda?
Io seguo il processo di produzione del vino da quando viene tagliato il grappolo alla bottiglia.
Il mio strumento di lavoro è il bicchiere. Seguo l’analisi del vino, le filtrazioni, il passaggio in legno…

Cosa ti piace di più di questo lavoro?
Che dal nostro lavoro esca un prodotto piacevole. Se esce un buon vino, vedo le recensioni delle persone dall’altra parte del mondo e sono felice.

Primo ricordo che ha di quando è arrivata a lavorare da Farina?
Mi ricordo un Claudio molto indaffarato. Quando sono arrivato 7 anni fa, Claudio mi aveva assunto perché non riusciva a gestire tutta l’attività di produzione da solo, inoltre aveva in mente un piano di trasformazione aziendale con investimenti importanti a livello enologico. Mi sono sentito molto utile e di supporto.

Che aggettivo si darebbe come persona?
Positivo ed energico.

Come definirebbe l’azienda?
Storica, ma anche innovativa.

Il punto di forza di Farina?
Per me è un’azienda forte a livello commerciale, soprattutto all’estero, perché è in grado di adattarsi alle richieste del mercato.

Quale consiglio si sente di dare loro?
Mantenne sempre un’identità chiara, come ora. La riconoscibilità è importante. Quando ci fanno i complimenti perché dicono di più vini che si sente che sono stati fatti dalla stessa mano, per me è un traguardo.

Qual’è il Suo vino preferito?
Il Riserva. Il meno commerciale, quello che fa 4 anni di invecchiamento, da uve selezionate. È un vino senza fretta, come piace a me. Che amo migliorare sempre il vino, aspettare a metterlo in bottiglia.

Il vino di Farina che ha più potenziale?

Amarone base e Montecorna per l’ottimo rapporto qualità-prezzo.

Che altro lavoro avrebbe fatto se non questo?
Il produttore di vino, con una mia azienda.
  • - Intervista ad Andrea Zerman